5 errori da non commettere quando costruisci il tuo sito web

26 apr, 2018

Condividi su:

1.    Usare troppe parole chiave

Girano tanti falsi miti sull’uso delle parole chiave, che portano molti a commettere errori quando ottimizzano il contenuto del loro sito internet. Fino a pochi anni fa, bastava includere le parole chiave ovunque e il più di frequente possibile. I tempi però sono cambiati e ora la parola d’ordine per Google e per i motori di ricerca è qualità. Usare tantissime parole chiave ora non ha più senso; quello che devi fare è inserirle nel giusto contesto. I robot di Google di questi tempi sono fin troppo intelligenti e - grazie a tecniche di analisi del contenuto sempre più elaborate - possono leggere i contenuti del tuo sito in modo simile a un essere umano. Assicurati che il contenuto del tuo sito sia sempre di qualità e fornisca ai visitatori le informazioni di cui hanno bisogno, che i testi siano scorrevoli e le parole chiave non siano inserite in maniera forzata. Solo così potrai fornire ai robot di Google dei testi coerenti e agli utenti un’esperienza di navigazione che li riporterà da te in futuro.

 

2.    Non usare Meta dati e testi alternativi

Alcune delle informazioni del tuo sito internet vengono utilizzate direttamente dai motori di ricerca per individuarne i contenuti - questi dati sono chiamati “meta dati” e consistono principalmente nel meta titolo e nella meta descrizione. Questi meta dati vengono mostrati nella pagina dei risultati dei motori di ricerca e servono a fornire agli utenti e ai motori di ricerca stessi un’anteprima di quello che potranno trovare nel tuo sito. Cerca perciò di scrivere un titolo e una meta descrizione che sia breve ma accattivante - idealmente dovrebbero descrivere nel dettaglio che cosa offri e includere almeno due delle tue parole chiave principali. Google ha determinate linee guida per quanto riguarda la lunghezza sia del titolo che della meta descrizione, ed è importante attenervisi per evitare che queste informazioni vengano visualizzate solo parzialmente nella pagina dei risultati. È inoltre importante che ognuna delle sottopagine abbia la propria meta descrizione e che non ci siano duplicati. Ricorda: se Google trova testi doppi, dà per scontato che uno dei due sia inutile e, non potendo decidere quale, per non rischiare non ne mostra alcuno!

Molti creatori di pagine web sottovalutano inoltre l’importanza dei testi alternativi per le loro immagini. Questi testi alternativi, o alt-tags, sono brevi descrizioni delle immagini del tuo sito che permettono a persone non vedenti di conoscerne il contenuto. Perché allora sono importanti per la SEO? Perché i motori di ricerca possono leggere le descrizioni e usarle per valutare il contenuto del tuo sito. Senza queste descrizioni è impossibile per Google sapere cosa mostrano le splendide foto da te pubblicate. Gli alt-tags permettono inoltre alle tue immagini di apparire tra i risultati della sezione Immagini di Google. Assicurati quindi di aggiungere meta dati e alt-tags a tutte le sezioni del tuo sito!

 

3.    Usare Immagini stock

Il terzo errore della nostra lista non ha nulla a che fare con la SEO. Siamo tutti in grado di vedere la differenza tra un’immagine originale e una trovata online in un sito gratuito, e tutti sappiamo che le immagini originali sono più interessanti e accattivanti. Usare foto originali nel tuo sito permetterà ai tuoi clienti di capire esattamente di che cosa ti occupi, ed è il miglior modo per migliorare l’immagine della tua azienda.  Se hai a disposizione una buona fotocamera, puoi occuparti tu stesso di fare le foto per il tuo sito, ma considera anche l’opportunità di avvalerti di un fotografo professionista. Scattare delle belle foto richiede la luce giusta, il giusto tempo di posa e una saggia manipolazione delle immagini e un professionista dispone delle capacità adeguate per dare un tocco personale alle tue foto. Se non sei convinto, chiedi a un amico con una buona macchina fotografica e un treppiede di aiutarti: i vostri risultati sapranno di certo dare al tuo sito più carattere rispetto a delle immagini stock. 

 

 

4.    Non avere una versione mobile

Siamo nel 2018 e ormai il tempo in cui per accedere a internet bisognava andare a casa e sedersi davanti al computer sono acqua passata. La maggior parte delle persone ormai comprano prodotti e servizi attraverso i propri smartphone, ed è necessario essere preparati a questo cambiamento. Molti ancora non si rendono conto che avere una versione mobile del proprio sito web è ormai essenziale. Gli studi inoltre ci mostrano che il 40% dei visitatori abbandonano una pagina web se non si carica in meno di 3 secondi: quasi la metà dei visitatori! Ci sono quindi due errori che si possono commettere quando si tratta della versione mobile del tuo sito. Il primo è non avere una pagina web responsive: questo tipo di design permette al tuo sito internet di adattare il layout e la grandezza del contenuto al dispositivo dal quale viene visualizzato. In questo modo l’esperienza dei tuoi clienti sarà ottima a prescindere da dove sono quando accedono al tuo sito.

Il secondo grosso errore è, come già detto, un tempo di caricamento lungo. La maggior parte dei CMS offre plugin gratuiti per accorciare il tempo di caricamento per i dispositivi mobili. Puoi trovare questi plugin AMP nella sezione “plugin” del tuo CMS; ti assicureranno che i tuoi clienti abbiano avuto la possibilità di vedere la tua pagina prima di decidere se lasciarla!

 

5.    Rivolgerti troppo presto a un’agenzia

Molti proprietari di siti internet sono sopraffatti da tutte le informazioni che bisogna prendere in considerazione per ottimizzare il proprio sito per i motori di ricerca e dalla terminologia correlata. Una scappatoia che spesso viene adottata troppo presto è rivolgersi a un’agenzia di marketing che si occupi della SEO al tuo posto. Ovviamente rivolgersi a dei professionisti comporta dei grossi vantaggi, ma i prezzi proposti per portare avanti azioni a volte molto semplici non sempre sono abbordabili. Se hai creato il tuo sito da te e sei all’inizio, vale la pena per lo meno provare a farsi un’idea di come si possa ottimizzare un sito internet prima di decidere se rivolgersi a un’agenzia. E nel caso in cui tu voglia provare a fare da te, potrai trovare online molti strumenti che possono esserti d’aiuto per ottimizzare la tua pagina web.

Condividi su: