Social media nei risultati di Google - quali sono le novità?

05 giu, 2015

Condividi su:

Ormai tutti sanno che non si può sottovalutare il ruolo che i social media giocano nelle strategie di marketing online. Non bisogna pensare che i social media siano esclusivamente appannaggio di grandi e già affermate imprese, in quanto sono un ottimo strumento anche per le piccole imprese che vogliono migliorare la vendita dei loro prodotti. Illustreremo ora due degli ultimi aggiornamenti apportati da Google negli ultimi mesi. 

Integrazione dei link collegati ai social media all'interno di "Google Knowledge Graph"  

La prima modifica riguarda l'introduzione dei link dei social media delle aziende nella funzione "Knowledge graph" di Google. Questo aspetto è stato notato negli Stati Uniti durante i primi mesi dell'anno. Come mostrano le immagini su searchengineland.com, anche i social network quali Google+, Twitter, Facebook, Instagram e Linkedin (e molti altri) sono stati integrati nella barra "knowledge" che raccoglie tutte le informazioni utili sulle aziende.

I clienti ora possono facilmente individuare e cliccare sui rispettivi social media dell'azienda o attività che stanno cercando. Questo permette alle aziende di essere più visibili, mostrare i propri prodotti e attirare nuovi clienti attraverso le pagine dei loro profili social. 

Dal momento che, come abbiamo detto, questo aggiornamento è stato per il momento implementato negli Stati Uniti, resta da vedere quando sarà disponibile anche negli altri paesi. 

I tweet nei risultati di ricerca di Google  

Un altro aggiornamento di Google connesso ai social media, riguarda una nuova cooperazione con Twitter. Secondo alcune fonti, Google aveva iniziato già dalla fine del 2009 la visualizzazione dei tweet nei risultati di ricerca. Collaborazione che, dopo due anni, venne terminata e Twitter bloccò a Google l'accesso al proprio database. 

Un nuovo accordo, invece, consentirà a Twitter di ottenere nuovi clienti direttamente da Google e quindi di beneficiare di un aumento delle entrate pubblicitarie. 

Si tratta di una situazione "win-win" per Google, in quanto rafforza la possibilità di fornire ai propri utenti informazioni più aggiornate.

Alcuni test hanno mostrato che, da un paio di settimane, i tweet vengono visualizzati nei risultati di ricerca. Ed è stato anche dimostrato che i risultati rappresentati dagli hashtag collegano direttamente a Twitter, e che Google mostra i tweet più popolari per ogni termine sotto forma di hashtag. 

Questi nuovi aspetti possono essere notati fin da subito nei risultati di ricerca di Google. L'unico dubbio è se Google lascerà invariata l'attuale visualizzazione dei risultati di ricerca che mostra anche i tweet, oppure se tornerà alla vecchia visualizzazione (insieme ad altri risultati di ricerca).

Condividi su: